Nobile di Montepulciano

Nobile di Montepulciano
La storia di Montepulciano, di origini etrusche, è da sempre legata alla fama delle sue vigne e del suo vino nobile. Come testimonia una kylix (tazza da vino) rinvenuta nel 1868, insieme a numerosi oggetti in bronzo in una tomba etrusca. (Oggi, molte di queste tombe etrusche sono visitabili all’interno delle numerose cantine).
Un pò di storia
Già dal 789 il chierico Arnipert offre alla chiesa di San Salvatore a Lanciniano, sull’Amiata, un pezzo di terra coltivata a vigna posta nel castello di Policiano.
Fin dall’Alto Medioevo i vigneti di Mons Pulitianus producevano vini eccellenti. E alla metà del 1500 Sante Lancerio, cantiniere di papa Paolo III Farnese, celebrava le qualità del vino prodotto a Montepulciano.
Fra le numerose testimonianze storiche, un documento del 1350 detta le regole del commercio del vino di Montepulciano che diventa “Nobile” grazie al poeta Francesco Redi che scrive “Montepulciano, di ogni vino è re”.
Nobile di Montepulciano

La DOC e DOCG ” Nobile di Montepulciano”
Situata all’estremo sud orientale della Toscana, in prossimità del confine con l’Umbria, la denominazione Vino di Montepulciano è stata tra le prime, nel 1966, ad essersi fregiata della denominazione DOC.
Nel 1980 è la prima insieme al Brunello di Montalcino e al Barolo, ad essere promossa DOCG. Inoltre da ben 50 anni (1965) il Consorzio del Vino Nobile  promuove e tutela l’immagine del Vino Nobile in Italia e nel mondo.
La denominazione nel corso degli anni ha continuato a crescere passando dai 615 ettari del 1980 ai 1300 del 2013. Con  una produzione annuale che oscilla tra i 7 e gli 8 milioni di bottiglie, di cui l’85%  costituite da Vino Nobile e il 15% da Vino Nobile Riserva.
Il Vino Nobile ha un invecchiamento minimo di 24 mesi di cui almeno 12 mesi in legno.
Il Vino Nobile Riserva ha un invecchiamento minimo di 36 mesi di cui almeno 6 mesi in bottiglia.
Nobile di Montepulciano
In entrambi i casi la base ampelografica è data da uva Sangiovese 100% o come prevede il disciplinare per il 70% da Sangiovese (chiamato localmente prugnolo gentile). E per il restante 30% da altri vitigni complementari (canaiolo, mammolo, colorino, merlot) tra cui al massimo un 5% può essere da uva a bacca bianca.
Nobile di Montepulciano

 

LE CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE DEL NOBILE DI MONTEPULCIANO

ll Nobile di Montepulciano esprime al meglio il suo territorio e suoi vitigni.
Alla vista si presenta con un bel colore rosso rubino di media intensità, caratteristica tipica del Prugnolo gentile.
Con l’invecchiamento, tende ad assumere i riflessi del rosso granato preannunciando un vino più strutturato e più morbido.
Al naso ti conquista con un 
profumo  intenso ed etereo: viola passita, marasca, pepe nero, confettura di frutti di bosco, cuoio. Sono solo alcuni dei profumi che si ritrovano nel calice.
Al gusto risulta equilibrato, intenso, asciutto e persistente con un finale speziato e fruttato.

ABBINAMENTI

Perfetto l’abbinamento con gli arrosti e con le carni sia bianche che rosse. Pefetto con la cacciagione, con il pollame. Ma anche con i formaggi stagionati come pecorino o Parmigiano Reggiano.

Io, lo adoro anche in abbinamento a un piatto tipico di Pici.

Si consiglia di servirlo a temperatura ambiente (18 e 20°C. ) e di stappare la bottiglia un paio d’ore prima del consumo. In  modo tale da permettere al vino di ossigenarsi e di sprigionare al meglio i suoi profumi.

 

Patrizia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: