Rum, come degustarlo!

Il rum non si beve ma si deve  degustare!

Perché sorseggiare del buon rum è una vera e propria esperienza sensoriale, che coinvolge tatto, vista, olfatto e gusto.

Per chi non lo sapesse il bicchiere di rum va i prima scaldato tra le mani e osservato con attenzione, per analizzare il colore. Poi annusato lentamente tenendolo a una debita distanza per non respirare gli effluvi dell’alcool, per captare tutti i diversi aromi che lo compongono.

E infine il rum va gustato a piccoli sorsi, per attivare le papille gustative.

Colore

Il colore è indifferente, chiaro, dorato o scuro perché dipende  dalle nostre preferenze. Se degustate un rum chiaro evitate quelli aromatizzati o con gradazione alcolica superiore al 75,5%: sono troppo forti e gli aromi possono nascondere il vero gusto del liquore. Se invece preferite i rum dorati o scuri, scegliete un prodotto senza aggiunta di coloranti artificiali: se volete essere sicuri, può essere utile ricordare che in generale i rum più costosi non contengono additivi.

Temperatura

Si deve assaporarlo a temperatura ambiente. Si dovrebbe servirlo senza  ghiaccio e  potreste accompagnarlo con una fetta di limone o un dolce al miele.

Bicchiere

Quello giusto è lo snifter, con la tipica forma a tulipano, o per un tumbler basso, il modello forse più utilizzato come bicchiere per degustare rum e cocktail.

Accompagnamento

Il modo più semplice è assaporarlo con una semplice barretta, rigorosamente fondente oltre il 75%. Se avete tempo lo potete sorseggiare: con  un delizioso tortino con cuore di cioccolato; immergendo delle fettine di pera in una fonduta al cioccolato oppure consuma  calda cioccolata aromatizzata alla cannella.

Un bicchiere di Rum per rilassarvi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *