Bakery: un angolo d’America!

 

Passeggiando tra le vie della vostra città, vi sarete accorti del sorgere di una nuova tipologia di locali, ispirati a quelli presenti oltreoceano: la bakery.
La bakery non è né un bar, né una pasticceria. Ma cos’è, allora?

Nella traduzione letteraria la parola «bakery»si traduce in «fornaio»; sì perché la bakery tradizionale presenta prodotti dolciari ma, anche prodotti da forno quali pani speciali con farine di diversi tipi, magari con l’aggiunta di semi.
Nella trasposizione dall’America all’Italia, la bakery ha assunto la forma di una pasticceria americana che offre al pubblico i tipici dolci a stelle e strisce: Cheese cake, carrot cake e la divina Red Velvet Cake, a cui vengono accompagnati cupcakes sempre originali con l’aggiunta di ingredienti americani quali il peanut butter.
In una bakery che si rispetti, potete recarvi per la colazione ma anche per sorseggiare un tè, potendo scegliere tra variegate miscele e infusi particolari, oppure per pranzare e cenare a base di hamburger e patatine fritte, omelette o caesar salad . Sicuramente le bakery dispongono di un locale accogliente per ritagliarsi un momento di relax o per poter affrontare qualche ora di lavoro al pc in tutta tranquillità. In Italia la maggioranza delle bakery propongono un locale dallo stile shabby chic, con sedie e tavoli bianchi.
Il grande successo che stanno raccogliendo le bakery è dovuto sicuramente anche ai telefilm e ai programmi televisivi che ci hanno trasmesso la cultura ma, anche al dettaglio, il quale viene sempre curato, che sia un centrotavola o il servizio di piatti particolari, quel tocco in più che ci permette di distinguere una bakery dall’altra anche tramite una singola foto.
Quindi, se amate la gastronomia dolciaria americana, non resta che farci un salto!

Sara (pictureyousee)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *